post

La California trema ancora: terremoto di magnitudo 7.1

Dopo una scossa di terremoto di magnitudo 6.4, avvenuta nella località di Ridgecrest il venerdì sera, il Sud della California è stato colpito nuovamente con una scarica ancora più violenta. Si dice che questa sia stata la più forte degli ultimi 20 anni. L’ultima scossa di magnitudo 7.1, infatti, secondo quanto riporta la portavoce della Contea di Kern, ha lasciato circa 2000 persone senza luce. Inoltre si sono registrati anche incendi e feriti multipli, ma per fortuna nessun deceduto.

La paura del terremoto

Verso le 20:19 (le 5:19 in Italia) i cittadini della California sono stati allarmati dal sisma, il quale, secondo l’Istituto di geofisica americano (Usgs), è stato registrato ad una profondità di soli 900 metri. L’epicentro è stato localizzato dagli studiosi a circa 180 chilometri da Los Angeles, nei pressi appunto della città di Ridgecrest.

Lo scenario al quale hanno dovuto assistere le persone includeva piscine che straripano, auto che sbandano, lampadari che oscillano e anche dirette TV interrotte. Il sisma ha provocato circa 1.400 scosse di assestamento e secondo i testimoni sarebbe durato almeno 30 secondi. Anche in Messico è stata avvertita qualche piccola scossa, ma qui non si sono registrati particolari danni.

Nonostante la forte scossa, il dipartimento dei vigili del fuoco di Los Angeles ha fatto sapere che nessuno è rimasto ucciso o ferito a seguito della scossa e né tantomeno si sono stati registrati danni infrastrutturali gravi. Ma comunque i vigili dicono potrebbero esserci altre scosse e attraverso un comunicato affermano: «Vi chiediamo di considerare il terremoto di stanotte come un promemoria per essere preparati».

 

Foto: NotizieIN; InMeteo