post

Parlamento al voto per eleggere il presidente della Commissione Europea

Si chiama Ursula von der Leyen la candidata alla presidenza della Commissione Europa. Il voto avverrà oggi a Strasburgo dove gli europarlamentari saranno chiamati a decidere se eleggere o meno la ministra della difesa tedesca come presidente della Commissione dell’UE. Circa 200 milioni di persone hanno votato alle elezioni del Parlamento Europeo ed ora una delle prime azione di quest’ultimo dovrà essere quella di nominare il prossimo presidente della Commissione. Se la votazione non andrà a favore della candidata, il Consiglio Europeo avrà un mese di tempo per scegliere un’altra persona.

Chi è Ursula von der Leyen

La candidata scelta dai leader europei è un membro del partito che ha vinto la maggior parte dei seggi al parlamento. Il giorno dopo la sua nomination, von der Leyen ha incontrato il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e i vari gruppi politici, per ottenere la loro fiducia.  Durante il suo discorso al Parlamento ha fatto riferimento a Simone Veil, prima presidente donna, dicendo: “Quarant’anni dopo finalmente è di nuovo una donna ad essere candidata alla Presidenza della Commissione europea”.

Continua dicendo che sarà nemica di chi vuole indebolire l’Europa, la quale invece va rafforzata. Riguardo al voto dice di essere sollevata di non ricevere il consenso dei sovranisti e afferma che non ricevere il loro voto lo considererà un premio per ciò che lei ha fatto durante il suo lavoro. Sul tema immigrazione la sua posizione è quella che, giustamente, le vite in mare vanno salvate e inoltre dice che “L’UE ha bisogno di frontiere umane, dobbiamo salvare le vite, ma dobbiamo anche ridurre la migrazione irregolare, lottare contro gli scafisti”.

Per quanto riguarda la Brexit, invece, la candidata è disposta a prorogare il processo di uscita se ci fosse bisogno di più tempo per motivi validi. In ogni caso, comunque vadano le cose, il Regno Unito rimarrà un alleato dell’Europa e un partner economico. Un altro tema molto importante per la candidata tedesca è quello del salario minimo europeo: “Voglio garantire che in una economia sociale di mercato ogni persona che lavora a tempo pieno possa avere un salario minimo che garantisca una vita dignitosa”.

Foto:  I Nuovi Vespri ;Irish time

 

post

Grave blackout a Manhattan. Oltre 40 mila persone senza luce

Si è verificato sabato sera (circa sei ore fa) il blackout che ha investito la maggior parte delle zone di Manhattan, a New York. Le parti più interessate sono state quelle del Midtown, che è composta principalmente di hotel, e dell’Upper Side .

Le zone colpite dal blackout

Schermi luminosi di Times Square spenti, insegna del Radio Music Hall senza luce, spettacoli cancellati nei cinema e a Broadway , persone evacuate dal Lincoln Center, questi sono stati gli scenari ai quali i cittadini di New York hanno dovuto assistere. Ma coloro che sono stati colpiti di più sono state le persone che si trovavano in metropolitana (affollata più del solito durante i fine settimana) o negli ascensori, le quali sono rimaste bloccate nei primi momenti dell’assenza di energia elettrica. Successivamente, grazie all’intervento dei vigili del fuoco, sono state liberate e sono ritornate alle normalità.

Il buio improvviso ha investito anche le strade cittadine creando scompiglio alla circolazione, per via dei semafori spenti. Anche il Columbus Circle, che è molto frequentato dai turisti ed è una delle zone più trafficate, è stato evacuato. Anche per i fan di Jennifer Lopez non è stata una piacevole serata. Dopo che la cantante è salita sul palco del Madison Square Garden ha dovuto comunicare al suo pubblico che il concerto sarebbe stato annullato per via dell’interruzione di corrente.

La causa del blackout

Secondo le dichiarazioni del sindaco della città Bill de Blasio e del governatore dello stato di New York Andrew Cuomo, la causa del blackout sarebbe stata un’esplosione ad una centralina elettrica che ha conseguentemente portato problemi ad altre sei nodi di distribuzione dell’energia elettrica. La società che gestisce la rete elettrica della città ha dichiarato che il guasto è stato risolto e la corrente è stata ripristinata verso mezzanotte.

 

Foto: Sky TG24; Mirror

 

post

Incidente mortale a Ragusa, due bambini travolti da un Suv.

Una tragedia fatale quella accaduta in Sicilia, a Vittoria in provincia di Ragusa. Due cuginetti di 11 e 12 anni stavano giocando col telefonino sull’uscio del vicino di casa quando improvvisamente sono stati travolti da un Suv pirata.

Le condizioni dei due cuginetti

Purtroppo per Alessio, 12 anni, non c’è stato nulla da fare quando i medici sono arrivati sul posto. La giovane vittima, infatti, è morta sul colpo, mentre l’altro bambino Simone di 11 anni si trova in gravi condizioni. Quest’ultimo è stato operato, ma i medici hanno dovuto amputargli le gambe, che sono state troncate dalla vettura a folle velocità. Ora è stato trasferito nel reparto di rianimazione dell’ospedale messinese per riprendersi dal delicato intervento.

Il conducente assassino

Al volante della Jeep Renegade, che ha investito i bimbi, vi era Rosario Greco, 37enne figlio di un boss, che è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale.  Egli è risultato positivo all’alcool test, con un tasso alcolico quattro volte superiore al limite consentito per legge, e ha confessato anche di aver assunto delle droghe.  Secondo una prima ricostruzione da parte degli inquirenti, l’uomo avrebbe perso il controllo dell’auto durante una manovra di sorpasso, che sarebbe costata la vita dei poveri cuginetti.

Ma non è tutto: il guidatore del Suv si è dato alla fuga, dopo un inseguimento, però, gli agenti della polizia sono riusciti a fermarlo. Nell’auto non era da solo, ma vi erano anche altri tre passeggeri che si sono dileguati subito dopo l’incidente e che ora anche loro sono sotto indagini. I poliziotti, all’interno dell’autovettura, hanno trovato anche una mazza da baseball e uno sfollagente telescopico, una specie di manganello. Tutti questi oggetti, insieme alla macchina, sono stati naturalmente confiscati.

 

 

Foto: Corriere della Sera; Corriere TV

post

Invalsi: “bocciati” la maggior parte degli studenti (e dei docenti)

I risultati del Rapporto Invalsi 2019 non sono per nulla positivi. Il quadro delineato presenta degli studenti sempre più “ignoranti”, ma la fotografia scattata dell’Invalsi sul nostro territorio pone un problema ancora più grande: il divario tra il Nord e il Sud.  Ieri mattina, alla Camera, sono stati presentati dal Ministro dell’Istruzione i dati relativi ai risultati delle Invalsi; lo stesso si dice preoccupato e stando alle sue parole l’inclusione di tutti gli studenti è un obbiettivo molto lontano.

I risultati delle Invalsi alle elementari

Per quanto riguarda la scuola primaria, i risultati delle prove Invalsi di italiano sono pressoché simili sul tutto il territorio italiano. In Matematica, invece, bisogna studiare di più. Si possono notare, infatti, notevoli differenze tra le regioni del nord e quelle del Mezzogiorno, specialmente Campania e Sardegna, dove gli alunni di quinta elementare hanno registrato risultati più bassi rispetto alla media nazionale.

Le Invalsi nelle scuole secondarie

La situazione peggiora nelle scuole medie e in quelle superiori. Tra gli studenti italiani il 35% non comprende un testo. Per la prima volta, quest’anno, anche i maturandi hanno dovuto sottoporsi al test Invalsi e in particolare, in matematica si hanno i risultati più scarsi: il 40% non ha raggiunto la sufficienza nelle prove che si basavano sull’interpretazione di grafici e sulla risoluzione di equazioni. Il problema aumenta in Sardegna, Sicilia, Campania e in Calabria dove le insufficienze arrivano fino al 60% degli studenti.

La nota dolente: le Invalsi di inglese

Beh, di sicuro non c’è da meravigliarsi: gli studenti, specialmente quelli delle superiori, sono costretti a studiare per molti anni la letteratura inglese, mentre sono pochi quei docenti che fanno esercitare i propri alunni sull’ascolto e nella conversazione. E poi ci lamentiamo dei risultati: dopo ben 13 anni di scuola, il 10% degli studenti non raggiunge nemmeno il B1 nella parte del reading (lettura e comprensione di un testo).

Nella prova del listening (ascolto), invece, solo il 35% degli studenti di tutta Italia raggiunge il B2, livello minimo del quadro di riferimento europeo. Per non parlare delle regioni del sud, dove la percentuale scende addirittura al 15% circa.


Foto: Il Sole 24 ore; Invalsi; Focus Junior

post

Universiadi: arrivano i primi risultati positivi per l’Italia

Le Universiadi, che quest’anno si svolgono a Napoli, sono da poco iniziate, ma già si possono notare grandi risultati per l’Italia, che si è classificata sul podio in diverse categorie, ma la più grande soddisfazione arriva dalla scherma, in cui siamo riusciti a conquistare l’oro. Non mancano però ulteriori riconoscimenti da parte degli altri sport, come nuoto, tuffi e ginnastica artistica.

La vittoria nella scherma

Il primo grande orgoglio per gli azzurri è sicuramente quello della vittoria da parte della fiorettista Erica Cipressa, la quale si è classificata prima. Questa è riuscita a battere in finale l’avversaria francese Morgane Patru, alla quale è andata la medaglia d’argento, per 15 a 3.  Ma oltre al primo posto della fiorista veneta, sul podio c’è anche un’altra italiana sempre delle Fiamme oro: è l’azzurra Camilla Mancini, alla quale, invece, è andato il terzo posto.

Trionfi anche nel nuoto e nei tuffi

La prima medaglia del nuoto è stata conquistata dall’Italia grazie a Matteo Ciampi, che è riuscito ad arrivare secondo nella gara dei 400 metri stile libero. Lo studente di 22 anni dell’’Università Roma Tre, per il quale è la prima esperienze alle Universiadi, ha conquistato l’argento con il tempo di 3’50”04.  Il nuotatore, che ha avuto anche successo al Settecolli di Roma vincendo l’oro dei 200 metri, è stato superato solo dal giapponese Yoshida e parteciperà anche ai prossimi Mondiali di Gwangju. Anche le squadre di 4×100 maschile e femminile si sono fatte valere, conquistando entrambe il bronzo.

Per la categoria tuffi, il 22enne triestino Gabriele Auber, che frequenta l’Università Niccolò Cusano, si è classificato terzo nella finale del trampolino da 1 metro. Questa però non è la prima medaglia per Auber, ma ne aveva conquistato anche un’altra alle Universiadi di Taipei 2017 dal trampolino di tre metri.

Medaglia di bronzo per la ginnastica artistica femminile

Un risultato incredibile anche per le azzurre, che grazie alla loro ottima performance, sono riuscite a far guadagnare all’Italia la prima medaglia della storia delle Universiadi femminili per la ginnastica artistica. Le tre caporali dell’Esercito Italiano sono riuscite ad ottenere il bronzo totalizzando un punteggio complessivo di 103.500 punti. Davanti a loro si sono classificati primi e secondi rispettivamente la Russia e il Giappone.

Foto:  Il Sussidiario; Zerottonove; Fanpage; OA Sport

post

Ritirate le accuse di molestie sessuale per Kevin Spacey

Tre giorni fa era iniziato il processo che vedeva come imputato il famoso attore di Hollywood Kevin Spacey, il quale era stato accusato da un ragazzo diciottenne di molestie sessuali. Adesso invece, quest’ultimo ha ritirato volontariamente la propria denuncia. Il suo legale Mitchell Garabedian, infatti, secondo quanto riporta il Boston Herald, ha inviato una lettera da parte del suo cliente al tribunale, chiedendo di far cadere le accuse.

La presunta molestia

Il giovane aveva raccontato alle autorità che l’attore lo molestò nel 2016. La presunta vittima lavorava in un bar di Nantucket come cameriere e, in base alla sua testimonianza, Spacey sarebbe entrato nel negozio e gli comprò diverse bevande alcoliche pur sapendo che il giovane non avesse ancore raggiunto l’età consentita per bere che è di 21 anni.

Sempre secondo quanto afferma l’accusa, il vincitore di premi come Golden Globe ed Emmy  accompagnò il giovane a casa, dove gli accarezzò la gamba, si sbottonò i pantaloni e si toccò il pene mentre lo stava palpeggiando.

I messaggi incriminanti

La motivazione di questa rinuncia a procedere con il processo da parte della possibile vittima non è ancora chiara. C’è da dire però che la decisione di fare marcia indietro è arrivata dopo che, durante l’udienza preliminare, l’avvocato di Spacey (che rischiava 2 anni di reclusione) aveva messo in risalto la bassa credibilità del giovane. Questo, infatti, aveva presentato come prova dei messaggi che secondo il legale dell’attore, però, non erano completi. Mancherebbero all’appello, infatti, alcuni messaggi, che la vittima avrebbe nascosto, contenti delle foto scambiate con Spacey che dimostrerebbero la sua innocenza.

Il giudice  pertanto, ha chiesto all’accusa una copia completa dei messaggi, che però non è mai arrivata, in quanto le accuse sono state ritirate prima. Per il momento quindi l’attore può ritornare a casa sua e chissà, magari lo potremmo anche ritrovare in una nuova stagione di House of Cards.

 

Foto: Mondo Fox; Bergamo News

 

 

 

 

post

La California trema ancora: terremoto di magnitudo 7.1

Dopo una scossa di terremoto di magnitudo 6.4, avvenuta nella località di Ridgecrest il venerdì sera, il Sud della California è stato colpito nuovamente con una scarica ancora più violenta. Si dice che questa sia stata la più forte degli ultimi 20 anni. L’ultima scossa di magnitudo 7.1, infatti, secondo quanto riporta la portavoce della Contea di Kern, ha lasciato circa 2000 persone senza luce. Inoltre si sono registrati anche incendi e feriti multipli, ma per fortuna nessun deceduto.

La paura del terremoto

Verso le 20:19 (le 5:19 in Italia) i cittadini della California sono stati allarmati dal sisma, il quale, secondo l’Istituto di geofisica americano (Usgs), è stato registrato ad una profondità di soli 900 metri. L’epicentro è stato localizzato dagli studiosi a circa 180 chilometri da Los Angeles, nei pressi appunto della città di Ridgecrest.

Lo scenario al quale hanno dovuto assistere le persone includeva piscine che straripano, auto che sbandano, lampadari che oscillano e anche dirette TV interrotte. Il sisma ha provocato circa 1.400 scosse di assestamento e secondo i testimoni sarebbe durato almeno 30 secondi. Anche in Messico è stata avvertita qualche piccola scossa, ma qui non si sono registrati particolari danni.

Nonostante la forte scossa, il dipartimento dei vigili del fuoco di Los Angeles ha fatto sapere che nessuno è rimasto ucciso o ferito a seguito della scossa e né tantomeno si sono stati registrati danni infrastrutturali gravi. Ma comunque i vigili dicono potrebbero esserci altre scosse e attraverso un comunicato affermano: «Vi chiediamo di considerare il terremoto di stanotte come un promemoria per essere preparati».

 

Foto: NotizieIN; InMeteo